Le regole del blackjack classico

Le regole del blackjack classicoQuante volte abbiamo visto immortalato nei film, questo emozionante e divertente gioco, con le sue febbrili chiamate di carte nel tentativo di ottenere quella mano vincente tanto inseguita. Si parla, naturalmente del Blackjack, uno dei più famosi giochi di scommesse presente in ogni casinò, sia reale che virtuale sul web. Uno dei fattori che hanno contribuito al successo e alla diffusione di questo gioco è sicuramente la semplicità delle sue regole di base, che nel tempo sono state integrate in vari modi con la creazione di diverse varianti, però senza intaccare mai la sua giocabilità e il suo fascino.

E’ sorprendente come un gioco tanto semplice nella sua struttura, sia riuscito e riesca ancora a catturare l’attenzione di tantissimi giocatori, ma evidentemente il brivido che si prova quando si attende la carta giusta, sperando di aver fatto le giuste valutazioni per non perdere la posta, non ha eguali, anche se spesso si è coscienti di avere poche probabilità a proprio favore. In questi momenti risiede tutto il divertimento per chi è appassionato di scommesse.

Le origini del blackjack, o meglio di un gioco ritenuto il suo antenato, chiamato vingt-et-un (ventuno in francese), si fanno risalire intorno al 1600 in Francia. Solo dopo il suo arrivo negli Stati Uniti, il gioco ha acquistato i connotati e il nome che conosciamo tutti ancora oggi: il Blackjack.

blackjack croupierAltro particolare che rende il blackjack così eccitante è la sua velocità di esecuzione. Anche se al tavolo ci sono diversi giocatori, durante il gioco si affronta direttamente il croupier e quindi è tutto molto diretto. Una mano si risolve in un tempo piuttosto breve, da quando vengono distribuite le carte fino a quando si verifica l’esito, quindi il brivido e l’emozione sono concentrati in poco tempo.

Come si gioca al Blackjack classico?

L’obiettivo del gioco

Da quanto detto, si può capire qual è l’obiettivo del blackjack: battere il croupier. In pratica è una sfida uno contro uno, con un certo vantaggio riconosciuto per il banco, il che rende non molto facile raggiungere lo scopo per il giocatore e proprio per questo il gioco è tanto elettrizzante.

Per sconfiggere il croupier, il giocatore deve raggiungere, con le carte che ha in mano, un punteggio nominale che si avvicini il più possibile a 21, senza andare oltre, ovvero senza sballare, e, ovviamente, superando i punti ottenuti dal banco. Più semplice di così! Naturalmente, per la struttura stessa del gioco, non sarà molto facile riuscire nello scopo, ma prestandosi bene ad un certo impegno mentale, il gioco ha permesso la creazione di metodi, sistemi e strategie che permettono di spostare l’ago della bilancia della dea bendata un po’ più a favore del giocatore.

Il valore delle carte

Il blackjack viene giocato con uno o più mazzi da 52 carte regolari. Le carte dal 2 al 10 hanno il loro valore numerico, le figure valgono 10 punti e l’Asso può valere 1 e anche 11 a seconda della mano. Il punteggio più alto è chiamato blackjack o 21 naturale ed è formato da un Asso e una carta di valore 10.

Nella versione originale o classica, di cui parleremo, si usano due mazzi. Le altre combinazioni di mazzi si possono trovare nelle numerose varianti al gioco, che sono nate nel corso del tempo, anche per rinnovarlo e renderlo più movimentato, senza nulla togliere alle regole di base e quindi al divertimento e al brivido.

Regole semplici, certo, ma che danno comunque la possibilità di ragionare su quale sia la mossa migliore da fare in una determinata mano. Non bisogna mai dimenticare che nei giochi di scommessa, la casualità è sempre presente sia per la carta che deve uscire sia nel mescolamento dei mazzi. Quindi ragionare su quale azione fare o su quale strategia adottare può veramente fare la differenza per riuscire a vincere.

Il meccanismo del gioco

All’inizio della partita, il giocatore deve fare una puntata utilizzando una zona stabilita del tavolo, che rappresenta la posta iniziale. Poi, il croupier distribuisce due carte scoperte a ciascun giocatore del tavolo, e due carte per sé, di cui una coperta. Dopo aver visto le proprie carte, il giocatore deve decidere che cosa fare. Le opzioni disponibili sono diverse, come vedremo qui di seguito nel dettaglio.

  • Stare (Stand): quando il giocatore è soddisfatto della mano che ha ricevuto per cui decide di non chiedere altre carte
  • Chiama carta (Hit): se il punteggio delle carte in mano è basso o comunque non soddisfacente, il giocatore può chiedere carta nel tentativo di migliorare il proprio punteggio evitando però di sballare
  • Raddoppio (Double down), dopo aver visto le carte ricevute, se la somma dei loro valori è compresa tra 9 e 11, si può chiedere il raddoppio della posta. Con questa opzione si otterrà solo una carta aggiuntiva, dopo la quale si dovrà stare in ogni caso
  • Divisione (Split), se il giocatore riceve due carte di uguale valore (nel caso degli Assi, si può chiedere una sola carta), può decidere di dividerle in due mani separate aggiungendo una posta e giocandole individualmente

blackjack player moves

Un’altra particolare opzione per il giocatore è la cosiddetta assicurazione, vale a dire una sorta di scommessa separata, pari alla metà della posta iniziale, sulla probabilità che il croupier abbia un 21 naturale, o blackjack. L’unico caso in cui si può usufruire di questa opzione sussiste quando il banco ha un Asso come carta scoperta. Nel caso in cui il croupier abbia un blackjack naturale, L’assicurazione viene vinta dal giocatore, altrimenti la perde.

Al turno del croupier, questi deve chiamare carta fino a raggiungere o superare 17. Una regola fondamentale del blackjack classico a riguardo stabilisce che, con un 17 soft, vale a dire una mano 17 che comprende un asso, il banco deve necessariamente stare.

Il payout

Per quanto riguarda la verifica dei punteggi e relativi payout, nella versione classica il blackjack paga per un rapporto di 3:2 e batte il banco anche se il banco ha 21. Gli altri punteggi vengono pagati a pareggio in caso di vincita. Se sia il giocatore che il banco ottengono un blackjack, il pagamento sarà a pareggio.

Il payout medio per un blackjack classico varia tra il 97% e il 99% a seconda dei siti di casinò online. Secondo l’AAMS del Monopolio di Stato, che regolamenta i giochi di scommesse in rete in Italia, i payout non devono essere inferiori al 90% dell’incasso delle scommesse, vale a dire che questa percentuale deve essere ridistribuita tra i giocatori sotto forma di vincita.

Da sempre uno dei giochi di casinò più amati e seguiti in assoluto, il blackjack, quando ben giocato, riesce davvero a creare puro divertimento, grande interesse e, a volte, anche qualche bella vincita.